mercoledì 14 marzo 2012

A chi legge con preghiera di inoltrare anche a chi non legge, affinché qui vi si legga.

Riceviamo – io in particolar modo, poi, che sono qui il più irascibile – sempre più numerose mail di cui cito testualmente due esempi magistrali

1.  Salve dove posso mandare il mio manoscritto? grazie e arrivederci=)

NDR: la firma non è stata omessa, semplicemente non c’era, come pure l’introduzione. La mail era un palese nikname.

2.  Ecco a Voi il mio cv di lettrice.

NDR. La firma è stata omessa, le altre parti no: erano state ritenute superflue dalla mittente.

Per quale motivo, mi chiedo e lo chiedo a voi, dovrei perdere il mio tempo a leggere un qualunque testo – letterario, saggio, articolo o CV – di qualcuno che non trova neppure il tempo per scrivere nel testo di una mail: “Buongiorno, mi chiamo Ugo Foscolo gradirei sapere / inviarvi/rendervi noto …. Saluti.”  Anche se non sono cordiali ve bene lo stesso, ed anche se non  sono distinti, cari, ma via … almeno saluti! Io saluto il mio cane e il mio coniglio prima di uscire di casa! Anche mia moglie, persino dopo averci litigato, magari indirizzandola a quel celebre paese, ma un a saluto lo si fa sempre. Non state scrivendo un blog, e se anche fosse, davvero non riuscite a scrivere nulla di più di quanto riportato integralmente sopra? E ho citato solo due esempi, ricevuti oggi a breve distanza l’uno dall’altro. E poi perché mai “arrivedercise mai ci si siamo incontrati ed a quale scopo dovrei rivedervi se non siete in grado di profferire più di 10 parole?
In epoca di indignati mi indigno anche io: siate educati anche nelle mail, tanto più se è la prima che inviate quella con cui vi presentate … non fatemi un romanzo che mi incavolerei comunque, ma qualcosa che mi almeno mi faccia dire “Oh guarda che persona a modo e cortese. Vediamo se la sua opera ed il suo CV valgono il contenuto di tanta educazione”.

Saluti cordiali, distinti e cari

FIRMATO Stefano Bisacchi

1 commento:

  1. Salve, sono Ugo Foscolo e non capisco perché sono stato tirato in ballo per questioni del genere.
    Caro Stefano, dovresti essere soddisfatto del fatto che non ti sei ritrovato a combattere con le abbreviazioni o con le più tipiche aberrazioni twittanti tipo : ke ovvero che, xké ovvero perché, 6 ovvero sei, e via di questa china da dementi. Saluti da Ugo Foscolo!

    RispondiElimina